Lo studio: mangiare la pizza fuori casa conviene

pizza_fuori_casa

Tante volte, con l’idea di risparmiare, evitiamo le uscite e ripieghiamo su una tranquilla serata a casa, magari in compagnia di amici, con una buona pizza fatta con le nostre mani. Ma è davvero così conveniente? I dati che noi di Napoli Pizza Village abbiamo elaborato dimostrano che mangiare la pizza fuori casa può risultare più economico.

Secondo il nostro studio, infatti, il costo medio per realizzare una pizza in casa è di 8,73 euro, a cui vanno aggiunti i costi delle bevande. A intervenire sulle spese ci sono non soltanto le materie prime e l’acqua, ma anche il tempo impiegato nella realizzazione e lievitazione dell’impasto (circa 4 ore) e la corrente elettrica richiesta per la sua cottura.

Più conveniente è l’offerta delle pizzerie della maggior parte delle città italiane, dove il prezzo medio di un menu a base di pizza margherita e bibita si aggira sui 9,22 euro.

Napoli  si attesta come la città più economica: qui mangiare la pizza fuori costa in media 6,73 euro. Più cara è, invece, Varese. Secondo lo studio, infatti, il menu offerto dalle pizzerie della città si aggira intorno al prezzo medio di 11,58 euro.

Al secondo posto in classifica c’è Palermo  con 7,53 euro, seguita da Vercelli con 7,69 euro e Cagliari con 7,75 euro. Proseguendo troviamo Livorno, che si posiziona al quinto posto con 8,04 euro, Rovigo con 8,09 euro, Belluno con 8,15 euro, Brescia con 8,23 euro, Alessandria con 8,27 euro, Ascoli Piceno con 8,34 euro, Udine con 8,42 euro, Verona con 8,61 euro e Rimini con 8,84 euro.