Francesco Martucci: «NPV una festa che unisce tutti»

francesco-martucci-npv

«Una grande festa, che unisce adulti e bambini e non fa distinzioni di ceto sociale, proprio come la pizza, che appartiene al popolo e mette d’accordo tutti». Così Francesco Martucci de “I Masanielli” ha salutato il Napoli Pizza Village, complimentandosi con gli organizzatori, Oramata grandi eventi, con le istituzioni e con tutti gli sponsor «per aver reso possibile il sogno di allestire la  pizzeria più grande del mondo proprio a Napoli, patria indiscussa della pizza».

Francesco Martucci ha incontrato il pubblico presso l’Area Pizza D’essai del Napoli Pizza Village, in qualità di testimonial della Off_Foodblogaward | Pizza Village. Con lui la madrina dell’iniziativa, la foodblogger Flavia Imperatore, in arte Misya, e Giorgia Riccardi, autrice del blog Barbie Magica Cuoca, selezionata tra i nove vincitori della competition per la sua ricetta dei pizza muffin.

francesco Martucci-pizza

Dopo la premiazione, il maestro pizzaiolo ha deliziato il pubblico con la sua “Parmigggiana”. Un nome una provocazione: «già dal modo di chiamarla bisogna capire che deve essere ricca, piena, di sostanza ». Uno dei capisaldi della cucina di tradizione diventa protagonista di una pizza che conquista con il suo perfetto equilibrio di sapori. L’opulenza del condimento si sposa alla perfezione con la leggerezza quasi eterea dell’impasto, che denota sin da subito la ricerca maniacale di Francesco: «l’impasto è ciò che mi toglie il sonno, che mi tiene sotto pressione 24 ore su 24. È la mia dolce ossessione», confessa. «Un impasto accudito e coccolato come un figlio e la ricerca sulle materie prime sono la costante del mio lavoro. Il mio obiettivo è far sì che ogni mia pizza sia immediatamente riconoscibile, che parli di me».

Proprio come la creazione presentata ieri sera. Il segreto della sua unicità? «La parmigiana è composta direttamente sulla pizza. In questo modo, durante i 55 secondi di permanenza della pizza nel forno, gli ingredienti non hanno modo di alterarsi e conservano tutta la loro freschezza».