fbpx
magazine
  • Home
  • /
  • /
  • Renata Sitko e la sua pizza dal profumo di ricordi

Renata Sitko e la sua pizza dal profumo di ricordi

Renata Sitko e la sua pizza dal profumo di ricordi

Protagonista dell’incontro “pizza senza”, Renata Sitko incontra sulla terrazza Ferrari lunedì 16 settembre alle 21:00
di Isabella Puca per Malvarosa

“A casa mi chiamano Hitler, sono molto esigente, pignola, precisa, abitudinaria. Non è facile convivere con me, non ammetto i ritardi, né che mi si cambi l’ordine delle cose, ma alla fine sono una persona buona!”. È così che si descrive Renata Sitko protagonista insieme a Guglielmo Vuolo e a Davide Civitiello di “Pizze senza”. A condurre il Talk, lunedì 16 settembre alle 21:00 sulla terrazza Ferrari, Federica Gentile e Nunzia Marciano. Il primo approccio di Renata con la pizza è stato diversi anni fa e, dopo vari corsi, ha deciso di mettersi in gioco a 360°. «La pizza è cambiata perché è cambiato il modo di vedere. Prima contava molto la tradizione, ora c’è sempre più attenzione alla provenienza del prodotto, a ciò che rappresenta per il territorio. Sono stati fatti però grandi passi in avanti. Ad esempio l’impasto  è cambiato totalmente: prima veniva usato un impasto tradizionale con la farina zero, oggi si gioca su diversi tipi di farine, si torna indietro a come era in realtà 50 anni fa. La farina bianca la usavano solo i ricchi». È un ritorno al passato quello annunciato da Renata Sitko tra le poche pizzaiole donne d’Italia, «siamo in poche  – avverte –  le mie amiche pizzaiole lavorano al nord, da noi c’è ancora la mentalità del pizzaiolo maschio. Dei clienti nuovi chiedono al cameriere di fare compimenti al pizzaiolo, e restano straniti quando gli diciamo che sono una donna. Bisogna sgomitare, farsi spazio tra i maschi non è semplice, ma con la buona volontà si può fare». Le sue sono pizze davvero molto ricercate e profumate di ricordi, «non sono italiana, ma polacca. La mia è una realtà diversa dove si usavano ingredienti poveri che le spezie esaltavano. Applico questo principio nelle mie pizze; molte spezie qui in Italia sono sconosciute tipo l’aneto, quando l’ho messo la prima volta nella pizza mi hanno chiesto tutti cosa fosse».


NPV Magazine è una testata registrata con numero di autorizzazione 26 del 20 luglio 2017
0