Pizza Internazionale e l’internazionalizzazione della pizza napoletana

Alessandro Condurro

L’antica pizzeria da Michele

Pizza Internazionale e l’internazionalizzazione della pizza napoletana

19:30

Pizza Internazionale e l’internazionalizzazione della pizza napoletana.

L’antica Pizzeria Da Michele che apre nelle principali città del mondo e Big Mamma, caso imprenditoriale della ristorazione parigina che scommette sulla cucina e sulla pizza italiana.

Alessandro Condurro  

Quinta generazione della famiglia Condurro, pronipote di Michele Condurro, fondatore dell’Antica Pizzeria da Michele nel 1870. Alessandro ha lasciato da ragazzo la pizzeria di famiglia per dedicarsi agli studi economici ed esercitare la professione di commercialista.
Nel 2012 ha creato il brand “Michele in the World”, con il quale gestisce i diritti d’immagine dell’Antica Pizzeria da Michele, aprendo pizzerie in franchising fuori Napoli.
Attualmente il brand “Michele in the World”, da lui gestito con la cugina Daniela ed uno staff di 10 risorse, conta 8 pizzerie fuori Napoli (esclusa la Casa Madre di Forcella): due a Roma, una a Milano, a Firenze, a Barcellona, a Londra, a Tokyo ed a Fukuoka.

Giuseppe Cutraro  

Il gruppo Big Mamma è un caso imprenditoriale esploso a Parigi due anni fa che scommette sulla cucina italiana popolare. L’idea di importare la buona cucina popolare italiana a Parigi è maturata nel tempo, grazie alla passione per l’Italia di Tigrane Seydoux e Victor Lugger. Due anni dopo i due trentenni sono tra gli imprenditori più acclamati di Francia. Il Gruppo Big Mamma sta inesorabilmente conquistando Parigi a suon di pizze, paste, farine e prodotti tipici italiani davvero top. La Mamma è la filosofia del gruppo, intesa come l’Italia nel piatto. È la voglia di mangiare bene con prodotti come quelli che si trovano in Italia. Gli chef del gruppo usano soltanto pasta fresca fatta con farine della migliore qualità.

Quella di Big Mamma è anche una grande famiglia. Nei ristoranti c’è solo personale italiano che viene aiutato nel trovare un alloggio e a sistemarsi in città. Nulla è davvero lasciato al caso e il risultato lo si ritrova nel piatto.

Luca Sessa

Giornalista e foodblogger, Luca Sessa ha dato vita a “Per un pugno di capperi” nel 2011. Ha avuto inizio così il suo entusiasmante percorso. Dal 2015 sono arrivate le prime opportunità editoriali e le trasmissioni televisive che lo hanno portato alla scelta di licenziarsi per far divenire il suo amore per la cucina un vero e proprio lavoro. In qualità di giornalista Luca scrive per Il Giornale del Cibo, TheFork, Repubblica Sapori, SAY GOOD.

0